Frantoi oleari a ciclo continuo. Estrazione a freddo con soli metodi meccanici.

I moderni frantoi utilizzano questo tipo di tecnologia che non prevede interruzioni nel ciclo di lavorazione delle olive.

ll nome del metodo “ciclo continuo” deriva dal fatto che è costituito da un insieme di macchinari collegati in continuità tra di loro e che esclude ogni interruzione nella lavorazione delle olive.

Le macchine collegate sono quattro:

  • il frangitore
  • la gramola
  • il decanter
  • il separatore

Nel frangitore le olive vengono ridotte in pasta e già in questa fase c’è una prima se pur parziale estrazione dell’Olio; la pasta ed il primo Olio passano nella gramola che dovrà recuperare tutto l’Olio ancora imprigionato nella pasta.

La gramola è una vasca lunga e stretta con un asse centrale munito di lame impastatrici in rotazione continua. Il movimento delle lame favorisce la rottura delle microscopiche sacchette che, nella pasta delle olive, trattengono ancora olio. La gramola, con un sistema paragonabile ad un termosifone, è mantenuta ad una temperatura costante.

Dalla gramola la pasta diluita con acqua passa in una centrifuga estrattiva chiamata normalmente decanter. La centrifuga, per la diversità dei pesi specifici, scarta la sansa ed il separatore, infine, convoglia verso direzioni diverse l’acqua immessa nel decanter, l’acqua di vegetazione (quella contenuta dalle olive all’origine) e l’Olio.

Nel “ciclo continuo” quindi l’estrazione è affidata al “decanter”, una centrifuga a tamburo orizzontale. Quest’olio viene denominato come “ESTRATTO A FREDDO” se non si sono superati i 27°C nella fase di gramolazione/estrazione